ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 03 Settembre 2016 00:00

Il Seti studia un segnale radio sospetto: c'è vita extraterrestre nello Spazio?

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Un segnale radio “sospetto” captato il 15 maggio 2015 da un radiotelescopio russo desta l’interesse dalla comunità scientifica. L’onda elettromagnetica proveniva da una stella nella costellazione di Ercole e a 95 anni luce di distanza dalla Terra.

È un indizio di vita extraterrestre nello Spazio? Cercano di scoprirlo gli scienziati del Search for Extra-Terrestrial Intelligence Institue (Seti) della Nasa, a Mountain View, in California.

“Intercettare un segnale non è una cosa inusuale. I ricercatori russi che hanno effettuato la rilevazione sono molto competenti. L’onda elettromagnetica proveniva da una stella e questo è molto interessante perché nelle sue vicinanze c‘è un pianeta, continuiamo a monitorare”, ha spiegato Seth Shostak, ‘senior astronomer’ del Search for Extra-Terrestrial Intelligence Institue (Seti), informa Euronews.

La notizia è stata diffusa dall’astrofisico italiano Claudio Maccone, che fa parte del team della scoperta che è prudente nel trarre conclusioni. “Nessuno sostiene che gli alieni abbiano lanciato il segnale. È uno dei possibili scenari al momento, potrebbe essere responsabile l’interferenza di un satellite orbitante o comunque qualcosa di più vicino”, ha precisato Seth Shostak.

In un anno il segnale non si è ripetuto. Non ha fornito molti dettagli il gruppo di astronomi russi al lavoro nel radiotelescopio Ratan-600 ai piedi dei Monti del Caucaso. Se ne saprà di più il prossimo 27 settembre quando in Messico ci sarà il 67mo Congresso internazionale di astronautica.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1151 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1167 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa