ANNO XI  Aprile 2017.  Direttore Umberto Calabrese

 

Roma, 27 mar. - Italia e Francia sono ancora troppo distanti in fatto di cooperazione agroalimentare: quelle italiane sono ancora "tante e piccole" e hanno bisogno piu' che mai di "crescere e stare insieme per poter lavorare meglio e diventare utili e distintive".

Published in Economia & Finanza

Roma, 27 mar. - Parte da Ravenna, che si candida a diventare centro di eccellenza nella ricerca e innovazione sulle tecnologie offshore, la sfida dei Paesi del Mediterraneo, nuovo hub del gas per soddisfare la crescente domanda di energia del futuro (piu' 30% al 2035).

Published in Economia & Finanza

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha evidenziato quali siano le priorità di intervento da realizzare, nei prossimi anni, grazie ai fondi strutturali europei.

Published in Napoli

Il piano adottato per combattere la Xylella in Puglia “deve essere oggetto di una valutazione ai sensi della direttiva VAS”, ossia di una valutazione ambientale e strategica.

Published in Ambiente

La Commissione europea approfondirà il grave problema degli sversamenti di liquami non trattati nel mare di Termoli e adotterà le misure del caso.

Published in Ambiente

Roma, 30 ago. - La commissione Ue ha ordinato alla Apple di pagare all'Irlanda 13 miliardi di euro per tasse arretrate non pagate che la societa' dovra' ora versare perche' ha goduto di aiuti di stato da parte di Dublino.

Published in Tecnologia

"Io e tutta la delegazione M5S al Parlamento Ue siamo pronti a sostenere la richiesta dell'Italia di utilizzo dei fondi europei per i disastri naturali e chiediamo alla Commissione Ue di garantire il massimo importo anticipabile, anche  a costo di mobilitare risorse da altre voci di bilancio.

Published in Nazionale

Ci stiamo riempiendo la bocca di Golpe, ma di Golpe non si tratta piuttosto bisogna indicarlo con le parole giuste, ritengo che sia un attentato alla democrazia quanto successo il 15 di luglio in Turchia. Sembrava di assistere al Golpe del paese delle banane, inefficienza, disorganizzazione e scarsa strategia militare messa in campo, già da questo si poteva capire che non era un colpo di stato ma un risiko politico studiato nei minimi dettagli, strumento usato da Erdogan per rafforzare il suo potere totalitario che punta al controllo delle istituzioni democratiche del paese.

Published in Politica

Roma - "Rispetteremo quello che dicono i britannici ma l'Ue deve smuoversi perché se si sta un anno ad aspettare perdiamo le sfide con le priorità del nostro tempo". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nelle sue comunicazioni al Senato. Ciò che è avvenuto in Gb può essere la più grande occasione per l'Ue se smettiamo di stare sulla difensiva - ha rimarcato - L'Italia farà la sua parte, il compito dell'Italia è dare una mano a costruire ponti".

Renzi ha spiegato che "le ragioni per cui abbiamo criticato dall'interno le istituzioni europee sono rese più forti dall'espressione del popolo britannico". "Siamo di fronte a una vicenda storica, chi cerca di minimizzare o di strumentalizzare commette un errore politico", ha sottolineato il premier che ha anche ammonito: "Se il popolo vota e altrove si cerca di mettere una pezza su ciò che il popolo ha deciso, si mina il gioco democratico".

L'Unione europea, ha avvertito ancora, "tutto può fare tranne che aprire un anno di discussione sulle procedure dopo aver discusso un anno sulle trattative. Così si perde di vista il messaggio del referendum inglese".

Secondo Renzi, "quello che manca oggi è la consapevolezza della gravità della situazione: non vorrei che si potesse pensare di far finta di niente o immaginare un percorso di riflessione molto, molto lungo, magari in attesa di un nuovo referendum".

Ora, è l'esortazione del presidente del Consiglio, la famiglia dei partner che hanno sempre creduto nell'Europa, devono trovare "la grinta, la lucidità e l'intelligenza" per operare in favore di un'Europa che "si occupi di più di questioni sociali e un po' meno di burocrazia" e che sia capace "di generare speranze e non solo paure".

Per Renzi, "questo è il momento di trarre insegnamento per riportare l'Ue alla sua forte identità, un'Ue che combatte una battaglia di giustizia sociale, non solo burocratica". E "quello che si apre domani è un vertice europeo che dovrà essere concentrato sul rilancio dell'Ue e non solo sulle procedure di uscita del Regno Unito".

Renzi parla anche del voto spagnolo. "Alcuni Paesi, penso alla Spagna, tornano a votare dopo sei mesi e non hanno un Paese governabile. Fa pensare che a inizio legislatura usassimo il benchmark spagnolo per avere una chiara governabilità. Oggi invece - rimarca - il sistema spagnolo per la seconda volta in sei mesi è a un bivio: o si fa una coalizione di tre dei quattro partiti o ci si condanna alle terze elezioni in un anno". Con le votazioni a ripetizione, sottolinea Renzi, "il risultato non cambia, ma l'affluenza diminuisce, perché viene meno la fiducia".

Il premier interviene poi alla Camera. "Crescita e investimenti, meno austerity e burocrazia. Questa è la linea che portiamo avanti da due anni, prima in beata solitudine, poi con più consenso. Oggi siamo davanti a un bivio - avverte Renzi - L'Europa deve parlare anche a quei giovani che hanno votato per il remain".

"Mettendo per un attimo da parte Le Pen o Farage, è venuto il momento di far sentire insieme la voce dell'Italia. Mi riferisco all'Europa sociale, all'Europa della crescita - sottolinea il presidente del Consiglio - Dalle prossime ore l'Italia farà tutto quello che può fare, a cominciare dal vertice di Berlino. Andremo al confronto con le idee che ci hanno caratterizzato in questi anni".

"Penso sia ora di provare insieme a far sentire la voce dell'Italia indipendentemente dalle posizioni nazionali" aggiunge il premier, rivolgendosi "in particolar modo a quelle forze politiche che credono nelle grandi famiglie europee".

Poi, parlando con i cronisti alla Camera, su un eventuale rinvio del referendum sulle riforme costituzionali Renzi dice: "Non decido io quando si fa il referendum. Il referendum ha dei tempi che non decide il governo: da cinquanta a settanta giorni" dalla decisione della Cassazione. "Quindi il periodo è quello", ovvero ottobre. (adnkronos)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Nazionale

ROMA – “Non siamo ancora la maglia rosa ma siamo tornati nel gruppo dei paesi di testa della Ue grazie al percorso che stiamo facendo”.

Published in Nazionale

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

Buona Pasqua…

Utenti Online

Abbiamo 1385 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine