ANNO XV Gennaio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

In un documento i deputati e i senatori del partito di Renzi chiedono "una soluzione politica che abbia il respiro della legislatura". Crimi: "Non ci sono margini per ricucire con Renzi, la porta è chiusa". Italia Viva, 'Stallo istituzionale serve una soluzione politica'. Di Battista: 'Allontanare il renzismo dalla politica'.

La componente 'allargata' nicchia sulla prospettiva di elezioni anticipate. I tre leader a colloquio per un'ora da Mattarella: "Con questo parlamento non si può lavorare".

Alla Camera c’è il lavoro di ‘scouting’ di Tabacci che ha già raccolto 13 adesioni, al Senato sono in tanti a muoversi per arrivare ad un gruppo nuovo che possa fungere da soccorso della maggioranza e rimescolare le carte nelle commissioni.

Mercoledì, 20 Gennaio 2021 09:47

Il Senato vota la fiducia a Conte, 156 i sì

Written by

In Senato 156 voti a favore, 140 contrari e 16 astenuti. Il premier: "Ora l’obiettivo è rendere ancora più solida questa maggioranza. L'Italia non ha un minuto da perdere" I voti contrari sono stati 140, gli astenuti 16. Al governo mancano 5 voti per raggiungere la soglia di 161 che costituisce la maggioranza assoluta. Pd: scongiurato il salto nel buio. Renzi: non hanno i numeri, noi saremo all'opposizione. Il centrodestra chiede un colloquio con Mattarella. Meloni: "Non credo che il Colle chiuderà un occhio". Il premier: 'Ora rendiamo più solida la maggioranza'. Renzi: 'Pronti anche a un Esecutivo di unità nazionale'. Centrodestra chiede al Colle le elezioni, ma è caos in Forza Italia dopo il voto a favore di 2 senatori. Dopo avere incassato la fiducia al Senato, il premier Giuseppe Conte potrebbe incontrare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Renzi va all'attacco del premier nel suo intervento: 'Serve un governo più forte, no al mercato delle poltrone'. La replica del premier a Italia Viva: 'Vi ho difeso ma a un certo punto non siete stati più leali'. Italia Viva conferma l'astensione. Attesa per la conta a Palazzo Madama, Udc vota no. Zingaretti, strada stretta.

Il premier, dopo la fiducia alla Camera con 321 voti a favore, si presenta a Palazzo Madama. Quasi impossibile arrivare alla maggioranza assoluta di 161 voti. 'Il mio appello è chiaro - ha detto il premier nella sua replica - c'è un progetto politico preciso. Da scelte di quest'ora grave dipende il futuro del Paese'. E nelle sue comunicazioni in mattinata: 'Una crisi senza fondamento, serve il più ampio consenso di forze volenterose'. Il gruppo Iv conferma l'astensione. Le opposizioni invocano le dimissioni. Salvini: 'Ormai vive su Marte'.

Il premier si presenterà alle 12 alla Camera e domani al Senato e rilancerà la sua azione di governo. Appello di Zingaretti a 'democratici, liberali, europeisti'. Nuova defezione Iv alla Camera. Di Maio: 'Non lasceremo gli italiani nelle mani di irresponsabili'. In serata il leader di Italia viva: 'Scriviamo tutti insieme le regole del gioco'.

Il leader di Italia Viva apre e  spiega che "dopo quello che è successo, se Conte cercherà di aprire alla senatrice Lonardo, a pezzi di Forza Italia e al mondo che sta cercando di portare con sé al posto nostro, ci asterremo". Zingaretti: 'Passaggio alle Camere momento di chiarezza". Di Maio: 'Io sempre leale a Conte'. Vertice del centrodestra a Milano. La Cei: "Guardiamo con fiducia a Mattarella".

Si chiama Maie-Italia23 e lunedì in una riunione sarà studiato lo statuto e si cercherà di chiudere con le nuove adesioni.

Il premier, che ha preso l'interim all'Agricoltura.  riferirà alla Camera lunedì e martedì mattina alle 9,30 in Senato. Dopo l'appello di Di Maio, a Palazzo Madama si avvicina il sostegno di Nencini e Maraio. Dem e M5s: "Renzi è inaffidabile". La replica del leader di Iv 'Se non avete i numeri si vota'. Tra M5s fronda 13 eletti,7 condizioni per contratto governo. Lunedì alla Camera e martedì al Senato. Il presidente Mattarella "prende atto" Il capo del governo sceglie la strada della parlamentarizzazione della crisi e punta sui voti dei 'costruttori'. M5Se Pd blindano il premier e chiudono a Renzi. Il centrodestra teme lo spettro dei 'responsabili'.

Utenti Online

Abbiamo 1059 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine