ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

"Se mi chiamano in tribunale - siccome non sarà un processo a un uomo, ma un processo a un'idea di un'Italia bella, sicura, libera - in tribunale aspetto anche voi". Così Matteo Salvini rivolto ai suoi sostenitori in chiusura di un comizio a Ozzano dell'Emilia (Bologna) riferendosi al caso Gregoretti.

Bocciata la proposta di Gasparri che chiedeva di negare autorizzazione. Maggioranza non partecipa. Salvini: 'Sono pronto alla prigione'. Zingaretti attacca il leader della Lega: 'Vuole l'impunità'. In Giunta no alla relazione del presidente. Gasparri: "Sporgerò denuncia sugli insulti". Il leader leghista: "Se mi arrestano scriverò 'Le mie prigioni'". Di Maio: "Salvini sa che bloccare la nave fu scelta sua".

Sabato, 18 Gennaio 2020 13:46

La nervosa attesa per il voto in Emilia

Written by

Lo scontro sul voto di Casellati in Giunta per il regolamento dà l'idea del peso attribuito all'appuntamento elettorale del 27 gennaio, che fa per ora passare in secondo piano anche dossier delicati come la legge elettorale.

Gli annunci di Erdogan, che avvia l’attività di esplorazione e perforazione del Mediterraneo nelle zone delimitate dall’accordo dei confini marittimi, sottoscritti con capo riconosciuto della Libia Al Serrai, pone problemi notevoli all’Italia, all’Europa e alla Nato.

Caso Gregoretti, lunedì si riunirà la Giunta per le autorizzazioni di Palazzo Madama. Maggioranza all'attacco: "Presidente del Senato non è super partes". Lega soddisfatta: "Nessun rinvio, ottimo". La relazione di Gasparri chiede di dire no all'autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro dell'Interno. La presidente vota con le opposizioni in Giunta per il regolamento sulla proposta dell'opposizione di convocare la giunta per le immunità lunedì prossimo. Pd all'attacco. Presidente del Senato: 'Respingo la messa in discussione della mia terzietà'

No al quesito sostenuto dalla Lega."Eccessivamente manipolativo". Salvini: 'Vergona, è la difesa del vecchio sistema'

L'opposizione venezuelana ha denunciato che alcuni gruppi paramilitari fedeli a Nicolas Maduro hanno sparato, lanciato pietre, colpito e tentato di bloccare le auto del convoglio sul quale viaggiavano il presidente ad interim Juan Guaidò e i parlamentari di opposizione per raggiungere il Palazzo Federale Legislativo. In un video condiviso sui social network è possibile vedere il momento dell'attacco al mezzo dei deputati e la successiva fuga. Al momento non risultano feriti. "Volevano linciarci" dice un deputato."Il regime vuole militarizzare il Palazzo Legislativo per impedire la sessione dell'Assemblea Nazionale - ha denunciato su Twitter il Centro de Comunicación Nacional, che funziona come ufficio stampa di Guaidò - continua il sequestro militare".

Non uno, ma ben due missili sarebbero stati lanciati dalla contraerea iraniana per abbattere il Boeing 737 della Ukrainian Airlines dopo il decollo dall'aeroporto di Teheran l'8 gennaio scorso. Ad affermarlo è il New York Times, che pubblica delle immagini esclusive e "verificate" riprese da alcune telecamere di sicurezza. Nel video, che mostra tutte le fasi dell'abbattimento del volo, è possibile vedere i due vettori lanciati a breve distanza uno dall'altro - circa 30 secondi - e come "l'aereo, in fiamme, ha continuato a volare per diversi minuti prima di schiantarsi e uccidere tutte le 176 persone a bordo", spiega il Nyt. Secondo il quotidiano americano, inoltre, "i missili sono stati lanciati da un sito militare iraniano a circa otto miglia dall'aereo".

La scelta finale dei giudici sull'ammissibilità della consultazione popolare potrebbe arrivare già domani in serata

"Ora deve iniziare una fase due, una nuova fase politica e programmatica, vanno affrontate insieme o non funzionano". Lo ha detto Dario Franceschini al seminario del Pd nell'abbazia di Contigliano. "Questo è un nuovo inizio", "dobbiamo toglierci i dubbi e avere la convinzione che in agosto abbiamo fatto la cosa giusta. Ma partire contro non è sufficiente, per dare fiato e continuità, ora servono continuità nell'azione di governo e il collante della prospettiva politica", ha continuato il ministro, aggiungendo: "Vorrei la smettessimo con questa idiozia della mancata discontinuità: la discontinuità c'è su tutto, come si fa a dire di no? Sui migranti, sugli sbarchi, sulla flat tax".

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1177 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa