ANNO XI  Agosto 2017.  Direttore Umberto Calabrese

La fine del mito delle pop star? Intanto su Twitter e Facebook è gara alla battuta più affilata Guè Pequeno ha pubblicato per sbaglio una Instagram Stories mentre si masturbava. Lo ha condiviso con 906mila follower che hanno visualizzato la sua ‘story’  prima che il rapper la cancellasse.

Published in Spettacolo

Domani sera e il 16 agosto i due convegni sul mito Giovedi’17 in scena “anfitrione di Plauto” Protagonista Ettore Bassi

Published in Lecce

Senza Mito ogni civiltà perde la sua sana e creativa forza di natura: solo un orizzonte delineato dei Miti può chiudere in un’unità tutto il movimento della civiltà.(F. Nietzsche)

Published in Lecce

Dal 30 giugno al 30 luglio torna il grande spettacolo al Teatro Romano di Ostia antica con la seconda edizione della rassegna "Il Mito e il Sogno": teatro, danza e musica fra tradizione e innovazione. E dal 3 agosto al 5 settembre, cinema all’aperto con proiezioni in prima visione e grandi classici.

Published in Spettacolo

Vengono presentati in Statale, il 13 gennaio, i due volumi che raccolgono il ciclo di conferenze e le due giornate di studio che tra il 2015 e il 2016 hanno fatto da corollario alla mostra "Mito e Natura, dalla Grecia a Pompei", ospitata a Milano a Palazzo Reale (31 luglio 2015 - 10 gennaio 2016).

Published in News Ambiente

Dal 10 al 17 settembre il grande spettacolo torna al teatro romano di Ostia antica con la rassegna “Il Mito e il Sogno”.

Il progetto nasce e si sviluppa con la partecipazione al bando indetto dalla Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma, con l’obiettivo di rilanciare la magnifica area del Parco archeologico.

Published in Spettacolo

Si chiude al Teatro Romano, martedì 6 settembre con inizio alle ore 21.00, la seconda edizione della rassegna "Mitika" teatro e mito nella contemporaneità.

Published in Spettacolo

Dal 19 agosto al 6 settembre 2015 sarà possibile visitare la mostra “Zampognari mito dell’Abruzzo pastorale” presso il Rifugio della Rocca a Rocca Calascio, il bellissimo borgo sul Gran Sasso d’Italia che non è sopravvissuto al declino del mondo pastorale che per secoli ne caratterizzò economia e cultura. Gli ultimi abitanti lasciarono definitivamente il paese nell’anno 1956 seguendo le vie dell’emigrazione, come altri paesi abruzzesi, consegnando l’antico borgo al silenzio. Con il crollo della pastorizia scivolarono nell'oblio anche i pastori-musicisti, gli zampognari. L’esposizione è riproposta e ampliata rispetto all’evento dell’estate 2013.

La mostra, che ha il patrocino di Italia Nostra (sez. di Pescara),  intende recuperare la storia secolare di questi singolari musicisti e ricostruire l’immenso patrimonio culturale che lasciarono in eredità soprattutto artisti, letterati e musicisti stranieri che visitarono l’Italia ai tempi del Grand Tour e che furono frequentemente ispirati da queste espressioni del mondo pastorale abruzzese. Un fenomeno ancora vivo in Europa come dimostra la mostra sull’Italia dei pittori romantici tedeschi e dei primi fotografi di fine Ottocento “Pathos und Idylle. Italien in Fotografie und Malerei”, in svolgimento presso la Neue Pinakothek di Monaco di Baviera fino al 29 settembre. In questa mostra, come altre precedentemente allestite in varie città europee, non manca il tema degli zampognari o meglio dei pifferari, come venivano chiamati dai viaggiatori stranieri in Italia.

La mostra - progettata da Antonio Bini - è promossa dall’Associazione Zampogne d’Abruzzo che negli ultimi anni è impegnata nel favorire la diffusione dell’antico strumento e il recupero del disperso patrimonio musicale, anche attraverso la ripresa di rapporti di collaborazione con le espressioni culturali legate alla zampogna presenti nel basso Lazio e in Molise, aree in passato accomunate dalla transumanza. Lo scorso 7 luglio la banda dell’Associazione, composta da 24 elementi, è stata ospite dell’EXPO2015. Nella mostra sono presenti anche immagini delle prime escursioni del Touring Club Italiano sul Gran Sasso d’Italia. 

L’inaugurazione della mostra avverrà mercoledì 19 agosto alle ore 16.30, con la presentazione del libro di Antonio Bini “Li chiamavano pifferari: zampognari mito dell’Abruzzo pastorale” – edito da D’Abruzzo-Menabò. Interverrà il maestro Michele A. Jocca, novantenne illustratore e appassionata memoria storica di Calascio e della sua Rocca, con le sue testimonianze della estinta comunità.

L’ingresso alla mostra, aperta dalle 10,00 alle 18,00  è libero.

Si ricorda che per il rilevante afflusso di turisti italiani e stranieri non è consentito durante il periodo estivo  il transito delle auto dirette alla Rocca, raggiungibile mediante bus navetta o a piedi.

Published in L'Aquila

Il presidente Cavallo: «dati positivi, investire nel turismo conviene» Continua a crescere la rete degli uffici di “Informazione e Accoglienza Turistica”, frutto dell’intesa tra il GAL “Luoghi del Mito”, l’agenzia regionale PugliaPromozione e i 7 comuni del versante occidentale della provincia di Taranto.

Published in Taranto
Palazzo Te a Mantova ospita un progetto espositivo che, per la prima volta, indaga le relazioni, gli scambi e i “fuochi incrociati” tra arte italiana del secondo dopoguerra e arte sovietica del realismo socialista, riflettendo su affinità elettive e divergenze culturali, in una mostra di respiro internazionale e ricca di documenti poco o per nulla conosciuti al pubblico. 
Published in Mantova

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

 

Utenti Online

Abbiamo 928 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine