ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Città Del Messico (Messico) - Si infiamma la protesta contro i rincari della benzina in Messico. I manifestanti hanno deciso di bloccare le autostrade, saccheggiare centri commerciali, costringendo alla chiusura numerose stazioni di servizio.

Published in America Latina

Caracas ( Venezuela) - Il Venezuela è completamente bloccato. L’inflazione a fine novembre superava il 220% adesso la situazione se possibile è persino peggiorata per l’improvviso ritiro, con decreto presidenziale, della banconota di maggior valore, i 100 bolivares. Ritiro a cui non corrisponde, come promesso, l’immissione sul mercato di tagli da 500 e da 1000 bolivares.

Published in Venezuela

Rio de Janeiro (Brasile) - È finita in scontri tra polizia e manifestanti, la mobilitazione promossa a Rio de Janeiro per protesta contro i tagli alla spesa pubblica previsti sia a livello di stato che a livello federale e destinati a ripianare l’enorme buco causato dalle Olimpiadi.

Published in America Latina

Sembra un copione che si ripete, lo era con Berlusconi, si riprende con Renzi. La notizia che riporta l’Ansa la commentiamo cosi: è la risposta di Firenze che richiama quella del Paese, non è affatto in discesa la posta in gioco del Referendum e non solo.

Published in Attualità

Lima (Perù) - Drammatici scontri fra studenti e forze dell’ordine dopo che le organizzazioni studentesche hanno accusato le autorità universitarie di corruzione.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Mercoledì, 10 Agosto 2016 00:00

Perù: scontri fra studenti e polizia

Lima (Perù) - Drammatici scontri fra studenti e forze dell’ordine dopo che le organizzazioni studentesche hanno accusato le autorità universitarie di corruzione.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in America Latina

L’Europa si conferma il continente più pacifico del pianeta.

Mentre l’Europa si conferma il continente più pacifico del pianeta. Nella top ten ben 6 stati europei e l'Italia non c'è. La Svizzera è il paese più sicuro al mondo

Se gli italiani pensano di vivere in un paese in pace si sbagliano. Il Global Peace Index 2015 ha classificato il livello di violenza di 162 Nazioni: prima l'Islanda e trentaseiesimo il nostro Paese. Al vertice dei più pericolosi la Siria, seguita dall' Afghanistan. Lo afferma lo studio pubblicato dal "Global Peace Index", frutto del lavoro dell’Institute for Economics and Peace (Iep) che ogni anno classifica il livello di violenza dei vari Paesi del mondo prendendo in considerazione 23 diversi valori: dal numero di omicidi all’attività terroristica, dall’instabilità politica alla spesa militare. Nella graduatoria dei più violenti c'è la Siria, precipitata ad un livello di pericolosità altissimo negli ultimi anni. Solo nel 2008 era considerato all’88esimo posto tra le nazioni più pacifiche, più o meno a metà della lista di 162 considerate. La guerra civile che sta dilaniando il Paese dal 2011 e l’avanzata dell’Isis lo hanno fatto scivolare al fondo. L’Europa si conferma il continente più pacifico del pianeta. Nella top ten ben 6 stati europei. Al primo posto figura l'Islanda, seguita da Danimarca e Austria. Al quinto posto figura la Svizzera. Per contro, nella classifica dei luoghi più violenti, dopo la Siria, ci sono Afghanistan e Iraq, seguono molti Paesi del Centro Africa sconvolti dall'instabilità politica. Negli ultimi sette anni, attesta la ricerca, il tasso globale di pace è calato in modo considerevole. Rispetto al 2014, ben 78 paesi hanno abbassato il ranking, diventando più pericolosi. La Libia è lo Stato più regredito, seguito dall’Ucraina che non viene classificata come Europa ma come Eurasia che soffre dello scontro con in separatisti russi. Solo 11 paesi al mondo possono davvero considerarsi "pacifici", e tra questi non c'è l'Italia. In Europa, solo la Svizzera è completamente estranea a qualunque coinvolgimento in conflitti di qualunque tipo. L'Italia si piazza al 36esimo posto su 162 nazioni,commenta Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, a causa del proprio coinvolgimento in missioni estere ma anche all'alto tasso di criminalità percepita e bassa sicurezza sociale.

 

Published in Nazionale

Utenti Online

Abbiamo 1042 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine