ANNO XIII  Giugno 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Lo Human brain project coinvolge circa 120 istituti in tutta Europa e punta a costruire “un'infrastruttura di ricerca per aiutare a far progredire la neuroscienza, la medicina e l'informatica”

Published in Salute & Benessere

Con il pilota automatico sugli aerei che non è più una novità ormai da anni, la prossima sfida per i produttori è quella di portare l'intelligenza artificiale alla guida dei propri velivoli. "E' quello a cui stiamo guardando, l'intelligenza artificiale, per liberare i piloti dai compiti più banali e ripetitivi", ha dichiarato il Chief Technology Officer di Airbus, Grazia Vittadini, secondo quanto riporta Bloomberg.

Sabato 15 dicembre, ore 9.00, presso l’ex Palazzo delle Poste di Piazza Giulio Cesare ’Evento - incontro promosso dalla “global professionals for artificial intelligence”

Il patron di Tesla spiega come la sua azienda fosse andata vicina al crollo (insieme a lui) e ribadisce speranze e timori sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale: "Potremmo essere in Matrix e non sto scherzando"

Nulla di mistico: un paio di startup americane vogliono creare un chatbot che dialoghi al posto dei morti. Per renderlo credibile, iniziano a raccogliere dati, messaggi, risposte durante la vita. Per poi assemblare le informazioni in un software eterno

I canti d’amore delle megattere non riescono ad essere apprezzati pienamente dall’orecchio umano, ma sono organizzati in vere e proprie canzoni con note, strofe e motivi, con una loro frequenza e durata. Uno smartphone li ha tradotti in musica

L'agenzia di Stato cinese Xinhua ha mandato in onda il primo telegiornale condotto da un programma di intelligenza artificiale. Sullo schermo compare una immagine creata da un computer in grado di leggere le notizie del giorno

Di pochi mesi fa è l’esperimento che vede coinvolto un braccio robot che sente “qualcosa” ogni volta che tenta di prendere e sollevare un oggetto. Un altro, con le ruote, se viene colpito, rallenta e diventa insicuro. L'obiettivo è rendere "più umana" l'intelligenza artificiale.

Un test, condotto grazie al co-fondatore di una startup e un radiologo, vuole dare un'idea di come funzionino questi “cervelli”. Che presto potrebbero salvarci la vita

Published in Salute & Benessere

La Gran Bretagna pensa ad usare i dati del sistema sanitario nazionale per fare diagnosi precoci, con l’aiuto delle aziende. Ma restano i dubbi su come verranno gestite informazioni così sensibili

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1194 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa