ANNO XII  Luglio 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Caracas (Venezuela) - Las puertas del prestigioso Centro Cultural Chacao, se abren este próximo 21 de Julio a las 5:00 pm, para recibir al talentoso elenco de actores, bailarines músicos  y cantantes que conforman “POP en JAZZ”, un atractivo musical que reúne a los mejores artistas de nuestra ciudad, junto a una impecable producción y una historia inspiradora para toda la familia. Las entradas se encuentran disponibles por www.ticketmundo.com o por las taquillas del teatro.
Giovedì, 19 Luglio 2018 16:44

Troppi venezuelani in Colombia

Written by

I venezuelani in Colombia sono troppi. Bogotà non ce la fa più e a breve potrebbero essere prese misure per limitare l'arrivo di persone dal paese vicino.

Ogni settimana il nostro vignettista Paolo Piccione ci delizia con la sua satira

Appuntamento sabato 21 luglio con la prima edizione della rassegna diretta da Alberto Tafuri Lupinacci - Ingresso libero

Marc Gasol racconta a Repubblica e Corriere della sua esperienza con l'Ong protagonista del salvataggio della migrante camerunense. E di come la foto di Aylan gli ha cambiato la vita

venerdì, 20 luglio 2018-ore 11,00 Sede Sindacato Unitario Giornalisti Campania-SUGC Sala “Santo Della Volpe”via Cappella Vecchia, n.8B NAPOLI

"E' costato quasi 2 milioni di fondi europei, ma il centro di selezione dei rifiuti indifferenziati di Castellaneta, nei pressi dell'ex discarica DISECO, non è mai entrato in funzione.

Sono stati avviati i lavori del nuovo serbatoio idrico a servizio dell’abitato di San Ferdinando di Puglia. Il serbatoio, che a intervento ultimato avrà una capacità di 6.000 mc di acqua, è destinato all’accumulo e al successivo convogliamento della risorsa idrica per uso potabile.

“La convivialità delle differenze, in un momento storico in cui sembra che le diversità devono essere messe al bando, è il tema che intendiamo trattare perché riteniamo che esiste una umanità diversa”.

Il parlamento israeliano, la Knesset, ha approvato un controverso disegno di legge, conosciuto come "legge sulla nazionalità ebraica".Martedì, la commissione congiunta della Knesset e del comitato per la Costituzione, la legge e la giustizia aveva approvato una modifica del testo, sulla base di un accordo raggiunto domenica tra il premier israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro dell'Istruzione Naftali Bennett.

Le Vignette di Paolo Piccione

Perchè??? “Ma che davero davero…”

 

Utenti Online

Abbiamo 1509 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa