Agorà Magazine
Taranto elezioni 2012

Taranto / Analisi del voto del primo turno nelle elezioni comunali di Taranto

Quanto ha contato il voto disgiunto

venerdì 11 maggio 2012 di Pino Mellone


Lettori unici di questo articolo: 512

Nei commenti al risultato delle elezioni comunali di Taranto si è fatto spesso riferimento al
cosiddetto voto disgiunto, attribuendo a questo tipo di voto effetti importanti come la
mancata elezione al primo turno del sindaco.
Ma, in pochi si sono chiesti in che misura vi è stato questo fenomeno nel voto del 6 e 7
maggio.

Per ottenere dei dati precisi sarebbe necessario esaminare le schede una per una in
quanto per ogni candidato sindaco il voto disgiunto può essere sia a favore che a sfavore.
Ma esaminare tutte le schede, ovviamente, non è possibile. Invece, quello che è possibile
è ricavare un indice che è sufficientemente significativo della direzione prevalente assunta
dal voto disgiunto e che consente anche di quantificarne la dimensione.
Per ottenere questo indice è necessario sottrarre ai voti totali del candidato sindaco quelli
dati al solo candidato sindaco (e non alle liste).
Una volta effettuata questa sottrazione si ottiene una cifra che va confrontata con i voti alle
liste della coalizione, il risultato ottenuto, positivo o negativo, è l’indice di voto disgiunto o,
più precisamente, il saldo del voto disgiunto.
Se questo saldo è col segno più, vuol dire che il candidato sindaco ha ottenuto un voto
disgiunto a suo favore, ovviamente, se è col segno meno ha invece subito un voto
disgiunto a sfavore.
Dalla tabella che abbiamo realizzato si evince chiaramente che ad essere maggiormente
penalizzato dal voto disgiunto è il sindaco uscente Stefàno, che ha un saldo negativo di
4.222 voti. Questo vuol dire che ci sono stati almeno 4.222 elettori che hanno votato una
lista della sua coalizione, ma hanno scelto un candidato sindaco di un’altra coalizione.
Al contrario, Bonelli ha ottenuto 3.362 voti provenienti da elettori che hanno votato una
lista diversa da quelle della sua coalizione.
Anche Cito ha usufruito del voto disgiunto a favore, con un saldo positivo di 1.597 voti,
mentre per il candidato del cetrodestra Condemi ci sono almeno 713 elettori della sua
coalizione che hanno preferito un’altro candidato sindaco.
Infine, il voto disgiunto è stato praticamente irrilevante per quanto riguarda Capriulo che ha
ottenuto 57 voti da elettori che hanno votato liste di coalizioni diverse dalla sua.

Riassumendo, almeno l’8% (4.222 su 52.378) degli elettori della coalizione di Stefàno ha
utilizzato il voto disgiunto scegliendo un candidato sindaco di un’altra coalizione. E’
presumibile che la maggior parte di questi elettori abbiano dirottato il loro voto su Bonelli.
Mentre Cito ha ottenuto 1.597 voti disgiunti, probabilmente sottraendoli per una metà a
Condemi (- 713).
Pertanto, il successo del primo turno è innanzittutto il frutto della forza e della ampiezza
della coalizione che si è formata a sostegno di Stefàno. In particolare, appare evidente che
nel risultato delle liste, un ruolo fondamentale è stato svolto dai candidati.

Basti guardare il
dato del Pd dove il tasso di espressione delle preferenze è di oltre il 90% (precisamente il
90,79%). Questo vuol dire che meno di 1 elettore su 10 ha votato soltanto il simbolo.
In conclusione, si può affermare che: in primo luogo ha vinto la coalizione più che il
candidato sindaco e, in secondo luogo, le liste sono state trainate dai candidati consiglieri,
alcuni dei quali si sono rivelati particolarmente forti, con picchi di oltre 1.700 preferenze.

Legenda: dai voti totali al candidato sindaco sono stati sottratti quelli dati esclusivamente
al candidato sindaco (che sono le schede senza alcuna indicazione di voto ad una lista), la
cifra così ottenuta viene raffrontata al totale dei voti delle liste della coalizione del
candidato sindaco, il dato che si ottiene è l’indice di voto disgiunto (che è negativo
quando il voto disgiunto è a sfavore, mentre è positivo quando il voto disgiunto è a favore).
A cura del dott. Pino Mellone


Home | Contatti | Mappa del sito | Area riservata | Statistiche delle visite | visite: 16278133

Registrato al Tribunale di Roma n° 358/2007 del 27 luglio 07 Edito da Ass.ne Spazio Agorà CF/IVA 97467680589
Diretto da: Umberto Calabrese
Webmaster and Powered by: ArteCA
web marketing

     RSS it RSSLa cronaca della tua città RSSRegione RSSPuglia RSSTaranto   ?

Creative Commons License